INFORMAZIONI:

LA DOTT.SSA RITA MANZO E' PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA SISTEMICO-RELAZIONALE
SI RICEVE TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE 8:30 ALLE 20:30 PREVIO APPUNTAMENTO TELEFONICO AL NUMERO 3333072104.

SEDI: 1)VIALE EUGENIO DELLA VALLE N19, SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE)
2)VIA GUGLIELMO MARCONI N.30, CALVI RISORTA (CE)

SERVIZI OFFERTI: PSICOTERAPIA INDIVIDUALE, DI COPPIA E FAMILIARE, CONSULENZA E SOSTEGNO PSICOLOGICO. CLICCA QUI PER VEDERE LE AREE D'INTERVENTO



mercoledì 28 marzo 2012

IL LUTTO NELL’ADOLESCENZA



Il processo di elaborazione del lutto è sempre estremamente complesso, ma quando la morte di un genitore o di una persona cara avviene durante l’adolescenza tutto risulta ancora più complesso. Sappiamo che l’adolescenza, con i suoi grandi mutamenti fisici, biologici, ormonali, psicologici, comportamentali è la fase di transizione più critica della vita. In poco tempo il corpo cambia forma e abbandona i suoi tratti infantili. L’adolescente si trova a metà strada tra il mondo infantile e quello adulto, ma non può trovare nessun tipo di supporto né con il  primo, col quale non si identifica più, né con il secondo che appare ancora legato a una sorta di potere e autorità. In genere l’adolescente in questa fase presenta comportamenti oscillanti tra dipendenza-attaccamento e aggressività-insofferenza nei confronti delle regole familiari. Comincia ad affermare la sua identità, ma per fare ciò abbandona le sicurezze e il senso di protezione dell’infanzia e comincia un processo di distanziamento dai genitori, necessario per la sua differenziazione.
La morte di un genitore costituisce un fattore di rischio ed una interferenza di sviluppo in quanto può provocare delle deviazioni nel processo di crescita. Durante l’adolescenza la morte di un genitore, di un altro membro della famiglia, o di un caro amico, risulta un’esperienza particolarmente dura da affrontare. Gli adolescenti si sentono onnipotenti e reputano loro stessi e chi è intorno a loro invincibili e immortali; nel loro immaginario solo le persone anziane muoiono, pertanto la morte di una persona cara diventa difficile da elaborare, soprattutto se tale perdita avviene in maniera improvvisa ( un infarto, un incidente d’auto, un suicidio); in questo caso possono manifestare un prolungato senso di irrealtà, una reazione prolungata di shock e incredulità. Lo studio degli effetti della morte di un genitore sull’equilibrio psicoaffettivo del figlio deve tener conto della sua età, delle modificazioni avvenute in seguito (rilevanza della depressione, capacità dell’altro genitore di superarla, il modo in cui il genitore vivo comunica col figlio, ruolo svolto dai parenti e dai sostituti dei genitori, eventuale nuovo matrimonio del genitore vedovo, ecc.), ed infine delle circostanze della morte (ad es. improvvisa, come nel caso di un incidente, oppure dopo una lunga malattia, o per suicidio, o per morte naturale, presenza o meno del ragazzo al momento della morte del genitore). Esistono naturalmente delle differenze se il lutto insorge nella prima adolescenza, dai 12 ai 14 anni, quando i ragazzi dipendono ancora largamente dalle figure genitoriali e adulte, o invece nella seconda adolescenza tra i 14-18 anni, quando il mondo esterno, in particolare il gruppo dei pari, diventa molto significativo e punto di riferimento. Più la morte è vicina al periodo dell’adolescenza, più costituisce un trauma che interferisce con il normale lavoro psichico. In questo caso sono spesso in primo piano la depressione e i sintomi ad essa correlati (disinteresse, isolamento sociale, disinvestimento scolastico, disturbi somatici vari, ecc.). La comprensione psicopatologica di questo episodio depressivo rimanda ai sentimenti di colpa nei riguardi del genitore scomparso; l’adolescente ha spesso dei rimorsi di non essere stato abbastanza ubbidiente, di non aver mostrato il suo amore, ascoltato i consigli e le raccomandazioni. 
E’ probabile, che gli adolescenti si esprimano più attraverso manifestazioni di rabbia che di tristezza, non solo perchè la rabbia tiene a bada e nasconde il dolore, ma anche perchè è un’emozione con la quale hanno più familiarità. Quando uno dei genitori muore in primo luogo sembrano prevalere i processi difensivi e la negazione del dolore, per poter andare avanti continuando a sentirsi vivi e per proteggersi da vissuti angosciosi e intollerabili. Spesso il diniego difensivo cede e allora possono esplicitarsi sintomi depressivi eclatanti, che spesso si esprimono nell’isolamento, nella chiusura, nella passività e, talvolta, anche in dinamiche suicidali. E’ possibile aiutare gli adolescenti nel processo di elaborazione del lutto incoraggiandoli ad esprimere le proprie emozioni, le proprie sensazioni, ad esternare il proprio stato d’animo anche chiedendo apertamente come si sentono, e rassicurarli sul fatto che il pianto, la rabbia, il senso di colpa, la tristezza, l'apatia, il senso di inutilità, la nostalgia, la paura, la disperazione che provano sono normali. E' importante ascoltare quello che i ragazzi si sentono di dire, senza pensare di dover necessariamente fornire risposte o soluzioni. Evitare di parlare della morte e delle emozioni legate al lutto non cancella il dolore, bensì lo inasprisce. E’ importante per gli adolescenti, inoltre, poter riprendere al più presto la loro abituale routine, anche se è possibile che ci siano interruzioni dovute a momenti di sofferenza particolarmente forte causati da sensi di colpa dovuti sia al riprendere la propria routine come se nulla fosse accaduto, sia al non essere stati capaci di evitare la morte della persona, di non averla potuta “salvare”. Spesso, anzi, questo senso di colpa del tutto ingiustificato è molto opprimente ed angosciante, proprio perché inespresso. Una presenza solida, costante e affettiva dell’adulto (genitori, parenti, amici, insegnanti) è cruciale nella fase del lutto, anche perché i coetanei, tendono o per imbarazzo, o per timidezza, o per leggerezza, a fare finta di niente infondendo così nell’adolescente che ha subito la perdita un senso di solitudine.
Gli adolescenti che hanno subito un lutto possono manifestare molti segnali di disagio come ad es. basso rendimento scolastico, comportamenti a rischio (es. abuso di droghe o sostanze alcoliche), depressione, irrequietezza, ansia, difficoltà del sonno, marcata assenza di autostima, disturbi del comportamento alimentare, deterioramento dei rapporti con la famiglia o con gli amici, atteggiamenti insolitamente protettivi e adulti nei confronti degli altri familiari o, viceversa, insolitamente aggressivi e violenti. Questi comportamenti sono indicazioni chiare che l'adolescente sta incontrando difficoltà ad affrontare da solo la perdita ed è pertanto importante non trascurarli in una fase cosi’ delicata di transizione e di formazione di un “io” adulto, richiedendo la consulenza di uno psicologo qualora si protraessero a lungo o non subissero alcuna variazione.
                                                                                                      
      Dott.ssa Rita Manzo
Psicologa-Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Calvi Risorta (CE), Santa Maria Capua Vetere (CE), Napoli (NA)
Cell. 3333072104

Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli:

Elaborazione del lutto
Paura di morire
La gestione delle emozioni
Come aiutare un bambino ad affrontare la perdita di una persona cara
Lutto familiare
Il lutto perinatale: perdere un figlio vicino alla nascita

6 commenti:

  1. Spero che nessuno viva quello che ho vissuto io.
    Se nessuno vi aiuta andate da uno psicologo e tenete i contatti perché i guai non iniziano subito dopo il lutto o per quello, ma da chi abbiamo attorno.

    RispondiElimina
  2. da chi abbiamo attorno..è proprio vero

    RispondiElimina
  3. Ho perso improvvisamente mio padre per un incidente... Dopo 8 mesi un altro tragico incidente mi ha portato via mia madre, avevo solo 13 anni... In un anno ho dovuto fare i conti con tutto quello che credevo stabile... Non ricordo di aver più saputo cosa significasse essere un adolescente... A Tutto ciò sono subentrate situazioni che mi hanno portato a vivere da sola a soli 19 anni con l'affidamento di mio fratello di 10...sono andata avanti sempre e solo con le mie forze e sempre onestamente... Oggi ho una famiglia con due figlie, e due cani... Dico questo perché ho quello che ho sempre sognato... Non è molto ma per me sembrava essere irrealizzabile... Ho sempre pensato di riuscire a gestire il mio equilibrio psicologico.. A volte ho toccato il fondo per riemergere più forte di prima... Mi sono persino convinta che se il destino mi aveva riservato determinate situazioni era perché sarei stata in grado di affrontarle... Fino a convincermi di essere fortunata per avere subito dolori psicologici così grandi da avermi reso una donna altrettanto forte... Oggi con i miei attacchi di panico le emozioni che riemergono come un fiume in piena le sensazioni amplificate... Un lutto, la perdita del lavoro, la convivenza con la Fibromialgia mi portano a dover decidere di rivolgermi a un medico... Psichiatria... Ho voluto raccontare brevemente il mio percorso perché nessuno possa interiorizzare le emozioni come ho fatto io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ho letto la tua storia ti è mai capitato dopo qualche anno di avere dei distacchi dalle persone ? Non affezzionarti davvero ad una persona ? Se è si come l hai superata?

      Elimina
  4. Ciao, io ho perso mio padre a 13 anni dopo una lunga e logorante malattia. Ho vissuto esattamente quello che è descritto nell'articolo. Purtroppo però mia madre dirante successivi 8 /9 anni ha sofferto di una lunga depressione per cui non è riuscita a sostenermi ed anzi peggiorando la situazione innescando una serie di sensi di colpa ed alienazioni in me. Oggi ho 32 anni ed ancora purtroppo sento il peso di questa esperienza. Ci sono stati periodi neri in cui ho abusato di alcool e droghe passando da un uomo all altro forse nel tentativo di consolarmi. Ho grossissime difficoltà ad instaurare amicizie. Nn sono ancora riuscita a "perdonare" i miei genitori per quello ke è successo ( sebbene sia perfettamente consapevole ke nn hanno colpe) . Per fortuna ho trovato un compagno ke ha pienamente compreso i miei malesseri è che con pazienza mi resta accanto. So bene che porteró per sempre questo dolore sulle spalle

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento!